Martedì 9 marzo ore 14:30! Le città del futuro. Il futuro è ancora in città?

Carlo Ratti

Metropoli vissute e celebrate come New York, Los Angeles, Londra, Parigi, Sao Paulo o Tokyo stanno assumendo nell’immaginario collettivo, profili molto meno desiderabili.

La pandemia combinata con gli esistenti imperativi della carbon neutrality ha accelerato quegli stessi cambiamenti che gli urbanisti promuovono da tempo allo scopo di restituire una dimensione più umana alle città. Ma anche una veste più tecnologica.

Quelle che erano città superstar stanno cercando di diventare dei luoghi più a misura d’uomo. La sindaca di Parigi Anne Hidalgo ha coniato il termine “la ville du quart d’heure” per fare tutto con massimo 15’ di spostamento a piedi o in bici.

L’urbanizzazione è sicuramente una grande opportunità per molte società, ma nello stesso è un generatore di problemi che va controllato come afferma Roberto Cingolani, Ministro per la Transizione Ecologica.

Sul tema della trasformazione delle città e del legame di questa trasformazione con l’obiettivo di sostenibilità ne parliamo martedì 9 marzo alle 14:30 con Carlo Ratti architetto, urbanista e docente presso il MIT di Boston dove dirige il MIT Senseable City Lab in un incontro intitolato “Le città del futuro. Il futuro è ancora in città?”.

Modera Filippo Lubrano

Articoli recenti